Gli oli essenziali nella cucina

Gli oli essenziali nella cucina

Gli oli essenziali nella cucina esaltano il sapore aggiungendo aroma alle pietanze preferite. Possono essere usati tutto l’anno, rivelandosi utili in particolare quando gli aromi freschi non sono disponibili, infatti, si conservano molto più a lungo della pianta aromatica fresca o secca, e mantengono sempre inalterato il loro potere aromatico.

Non tutti gli oli essenziali sono uguali

Possiamo trovare una vasta gamma di oli essenziali in erboristerie, negozio di alimenti naturali e sul web, ma non sono tutti uguali. I migliori sono sicuramente gli oli essenziali puri di grado terapeutico, ossia non diluiti e, quindi, privi di sostanze aggiunte.
Un olio essenziale puro di grado terapeutico può essere utilizzato ovviamente sulla pelle o inalato, e può essere usato in cucina o assunto per via alimentare a scopo terapeutico.

Come usarli

Gli oli essenziali puri di grado terapeutico arricchiscono i piatti con piacevoli profumazioni e con buoni aromi. Possiamo utilizzare gli oli essenziali di erbe aromatiche (come basilico, finocchio, maggiorana, timo, origano o menta), di agrumi (ad esempio bergamotto, limone, lime, arancia), di spezie (come vaniglia, anice, cannella, pepe, coriandolo) e di fiori (come rosa o lavanda).
Essendo estratti concentrati le dosi da usare in cucina sono minime: solitamente basta una goccia ogni 100 grammi di alimenti.
Nella preparazione della ricetta infine dovranno essere emulsionati con un altro ingrediente vettore (solitamente un grasso come l’olio ad esempio) che li trasporterà nella ricetta.

Altri consigli

– gli oli essenziali degli agrumi si ottengono con la spremitura delle bucce quindi possono sostituire l’aroma delle scorzette ma non il succo
– utilizzate sempre scodelle in vetro o acciaio inossidabile. Evitate di utilizzare utensili per la cucina di plastica perchè alcuni oli potrebbero danneggiarli
– conservate gli oli essenziali lontani dalle fonti di calore, dalla luce e dall’umidità. La conservazione in frigorifero è accettata
– gli oli essenziali devono sempre essere utilizzati quando è possibile a freddo o a fine cottura, perché il calore intacca le loro proprietà e in alcuni casi li rende anche tossici.
– ricordate di dosare sempre al minimo i vostri oli essenziali.
– se cucinate insieme con i bambine assicuratevi che gli oli rimangano lontani dalla loro portata

Sostituzioni

– se la ricetta richiede la scorza di un frutto si possono utilizzare 3-5 gocce di olio essenziale
– 1 cucchiaino di foglie di menta secca si possono sostituire con 1 goccia di olio essenziale
– 2 cucchiai di cannella in polvere si sostituiscono con 1 goccia di olio essenziale
– per le piante aromatiche come il basilico si consiglia di utilizzare uno stuzzicadenti immerso nell’olio essenziale, aggiungendolo piano piano alla ricetta fino a raggiungere il sapore desiderato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *